Torna all'Home pageArchivio poesie del giorno
 

 


Ghiannis Ritsos

Le statue e noi

Le statue, calme, non si preoccupano dell'usura del tempo;
perdono le mani, i piedi o la testa
ma restano sempre nella stessa posa, erette,
o supine per terra, sorridenti,
o, bocconi, voltano la schiena a noi e al tempo
come se copulassero, come intente
a un amore infinito, e noi le guardiamo
con un'inspiegabile spossatezza, tristi. Più tardi
torniamo nell'albergo popolare, tiriamo le tende
per attenuare il bagliore del meriggio, e tentiamo,
nudi anche noi, coricati sul letto scomodo,
di imitare la quieta immobilità delle statue.


Karlòvasi, 9.VIII.87


Traduzione di Nicola Crocetti



Poesia n. 284 Luglio/Agosto 2013
Ghiannis Ritsos. Molto tardi nella notte
a cura di Nicola Crocetti ed Ezio Savino
Fondazione Poesia Onlus 2013


 

 










   
   
Fondazione Poesia Onlus
Via E.Falck, 53 - 20151 Milano
tel. +39 02 3538277