Torna all'Home pageArchivio poesie del giorno
 

 

Charles Wright


Notturno di Stone Canyon

Antico dei Giorni, vecchio amico, nessuno crede
nel tuo ritorno.
Nessuno crede più nella propria vita.

La luna, come un cuore morto, freddo e inavviabile,
appesa a un filo
all’estremità della terra,
finalmente infedele, che macchia le felci
e gli arbusti rosa.

Nell’altro mondo, bambini disfanno i nodi
sulle loro cordicelle.
Cantano canzoni, e le loro dita sfumano.

E qui, dove il cigno mugola nella sua orbita, dove
la sanguinaria
e la belladonna insistono a confortarci,
dove la volpe nel muro del canyon svuota le nostre
mani, estatica d’altro,

come una goccia d’olio limpido il Guaritore rotea
nel vento della notte,
parte occhio, parte lacrima, riluttante a riconoscerci.

Traduzione di Antonella Francini



Charles Wright
Breve storia dell’ombra
a cura di Antonella Francini
testo originale a fronte
Crocetti Editore 2006

 









   
   
Fondazione Poesia Onlus
Via E.Falck, 53 - 20151 Milano
tel. +39 02 3538277