Torna all'Home pageArchivio poesie del giorno
 

 


Ghiannis Ritsos

Come un epilogo

Ricordatemi – disse. Ho percorso migliaia di chilometri
senza pane, senz'acqua, sopra pietre e spine,
per portarvi pane e acqua e rose. La bellezza
non l'ho mai tradita. Ho spartito equamente tutti
i miei averi.
Non ho tenuto nulla per me. Poverissimo. Con un
giglietto di campo
ho illuminato le nostre notti più feroci. Ricordatemi.
E perdonatemi quest'ultima tristezza: Vorrei
mietere ancora una volta con la falce sottile della luna
una spiga matura. Rimanere sulla soglia a guardare
masticando il grano, un chicco dopo l'altro, con gli
incisivi
ammirando e benedicendo questo mondo che lascio,
ammirando anche Colui che sale il colle nel tramonto
dorato. Osservate:
Sulla manica sinistra ha una toppa quadrata color porpora.
Non si distingue chiaramente. Soprattutto quella volevo
mostrarvi.
E forse soprattutto perciò varrà la pena che mi ricordiate.


Karlòvasi, 30.VII.87


Traduzione di Nicola Crocetti



Poesia n. 284 Luglio/Agosto 2013
Ghiannis Ritsos. Molto tardi nella notte
a cura di Nicola Crocetti ed Ezio Savino
Fondazione Poesia Onlus 2013


 

 










   
   
Fondazione Poesia Onlus
Via E.Falck, 53 - 20151 Milano
tel. +39 02 3538277