Torna all'Home pageArchivio poesie del giorno
 

 


Guy Goffette

II

Amore, dicevi. Io sentivo limitari,
ginestre, passerelle. I tuoi occhi resistevano.
Tuttavia c'era una soglia da varcare,

sommergere il corpo e che l'amore sia d'acqua
viva e non come qui un lago in cui si aggirano
pesci e annegati, il cielo, le nuvole

le belle promesse. Resta, dicevi.
Io vedevo morire gli uomini alle barriere
battere come un blu infranto dall'uragano

le loro braccia impazzite, le loro ali d'Icaro.


Traduzione di
Gio Batta Bucciol


Poesia n. 289 Gennaio 2014
Guy Goffette. Alla ricerca delle parole definitive
a cura di Roger Grénier e Gio Batta Bucciol



 

 










   
   
Fondazione Poesia Onlus
Via E.Falck, 53 - 20151 Milano
tel. +39 02 3538277