Torna all'Home pageArchivio poesie del giorno
 

 

Nicola Gardini

Lu nòm' mì


Papannònn' N'còl'
mangh lu nòm' sì sapèva fà.
'Na cròc' arfacèv'
quand' avèv'a fà n'affàr'.

E ch' c' vulèv' a 'mbarà

N I C O L A ?

Lassa pèrd' lu cugnòm'...
N còm' la vì p' lu màr
I còm' lu còrz' d' P'tacciàt'
C còm' la falc' p' la jèrv'
O còm' na m'lèll'
L còm' lu pèd d' la gallìn'
A còm' l' còss' sòtt'alla gonnìn'

Quand' z'è mmòrt',
nonnò j'à miss' annanz' ddù ang'l',
nu sacc' d' fiur' e llu lumìn',
ma mangh 'na cròc'.

NICOLA DI ZILLO stà scritt'
ngòpp'alla fotografia
ca par' nu fur'schtìr'.
E ghiss' allucc' la nòtt:
pur' lu nòm' mì v'èt' scurdàt'.

[Il mio nome. Nonno Nicola / manco il suo nome sapeva fare. / Una croce rifaceva / quando doveva concludere un affare. // E che ci voleva a imparare / NICOLA? / Lascia stare il cognome... / N come la strada per il mare / I come il corso di Petacciato / C come la falce per l'erba / O come una mela / L come il piede della gallina / A come le gambe sotto la gonna. // Quando è morto, / la nonna gli ha messo davanti due angeli, / un sacco di fiori e il lumino, / ma neanche una croce. // NICOLA DI ZILLO sta scritto / sopra alla fotografia / come se fosse uno straniero / E lui la notte grida: / anche il mio nome vi siete scordati.]


Nicola Gardini
Atlas

Crocetti Editore, 1998



 









   
   
Fondazione Poesia Onlus
Via E.Falck, 53 - 20151 Milano
tel. +39 02 3538277