Torna all'Home pageArchivio poesie del giorno
 

Blanca Varela

Vitella oppressa dai tafani

potrei descriverla
aveva naso occhi bocca orecchie?
aveva piedi testa?
aveva gli arti?

ricordo solo l'animale più dolce
che si portava addosso
come un'altra pelle
quell'alone di luce sporca

voraci alate
assetate bestiole
ingiuriosi angeli ronzanti
la tormentavano

era la terra altrui e la carne di nessuno

dalle sue palpebre cispose
mi abbagliò il miracolo languente
la vigilia l'istinto lo sguardo
il sole non nato

era una bimba un animale un'idea?

ah signore
che orribile dolore agli occhi
che acqua amara alla bocca
di quel mezzogiorno intollerabile
quando più rapida più lenta
più antica e oscura della morte
accanto a me
coronata di mosche
passò la vita

Traduzione di Stefano Bernardinelli

Poesia n. 294 Giugno 2014
Blanca Varela. Crocifinzioni
a cura di Stefano Bernardinelli










   
   
Fondazione Poesia Onlus
Via E. Falck, 53 - 20151 Milano
tel. +39 02 3538277