Torna all'Home pageArchivio poesie del giorno
 

Hans Sahl

Nota in calce

Del dolore del mondo
ho preso atto nella mia poesia
e del mio volto degli altri.
Ho viaggiato per Paesi
su vagoni piombati
e ho abitato in case
che non avevano finestre.
Ho profetizzato il passato
e al futuro ho scritto una postfazione.
Dei miei sogni è rimasto:
la loro irrealizzabilità.

Noi tutti abbiamo lo stesso nemico, noi stessi,
e la stessa madre, che ci diede
il petto sul quale
morivamo di sete.
Quando arriverà il momento,
mi metterò in cammino
per cercare mio fratello.
Non può essere più tanto lontano.


Traduzione di Nadia Centorbi

Poesia n. 295 Luglio/Agosto 2014
Hans Sahl. I volti dell'esilio
a cura di Nadia Centorbi










   
   
Fondazione Poesia Onlus
Via E. Falck, 53 - 20151 Milano
tel. +39 02 3538277