Torna all'Home pageArchivio poesie del giorno
 

 

Salvo Basso

A
vu lassatu
u compiuter ddumatu
scurdatu ccà
so scrittura senza
fogghi -
paroli ca nun senti
ca caminunu
nall'aria
a ddà ppì na
sbagghiata si o
pperdunu.
Ma u cielu è ranni

e fforsi si ricogghi.



Avevo lasciato / il computer acceso / dimenticato con la / sua scrittura senza / fogli - / parole che non senti / che camminano / nell'aria / e lì per un / errore si / perdono. / Ma il cielo è grande / e forse le raccoglie.


Poesia n. 303 Aprile 2015
Salvo Basso. Un pensiero che non finisce
a cura di Anna De Simone

 

Molti lettori ci segnalano di non essere riusciti a trovare in edicola il numero 300 di "Poesia" perché esaurito. Chi fosse interessato può ordinarlo direttamente alla redazione: info@poesia.it


 

 










   
   
Fondazione Poesia Onlus
Via E.Falck, 53 - 20151 Milano
tel. +39 02 3538277