Torna all'Home pageArchivio poesie del giorno
 

 

Raffaello Baldini

Mètt

Mètt ch'e' vénga la féin de mònd, admèn,
pasdmèn, e a murémm tótt, mètt che la tèra
la s'infràida, la s sfrangla,
ch' la s'ardéusa un purbiòun, ch' la s perda tl'aria,
e la léuna l'istèss, u s smórta e' sòul,
al stèli, e' vén un schéur,
u n gn'è piò gnént, e at t
ótt
che schéur e' témp
l'andarà ancòura avènti? da par léu?
e dò ch' l'andrà?

Metti.
Metti che venga la fine del mondo, domani,
dopodomani, e moriamo tutti, metti che la terra
s'infradici, si sbricioli,
che si riduca un polverone, che si perda nell'aria,
e la luna lo stesso, si spegne il sole,
le stelle, viene un buio,
non c'è più niente, e in tutto quel buio il tempo
andrà ancora avanti? da solo?
e dove andrà?


Poesia n. 310 Dicembre 2015
Raffaello Baldini. Il sussurro del senso
A cura di Daniele Piccini

 

 


 

 










   
   
Fondazione Poesia Onlus
Via E.Falck, 53 - 20151 Milano
tel. +39 02 3538277