Torna all'Home pageArchivio poesie del giorno
 

 

Costantino Kavafis

Muratori

Il Progresso è un edificio gigantesco - ciascuno
porta la sua pietra: uno parole, uno consigli,
un altro azioni - e ogni giorno più alta
svetta la cima. Se improvvisa una bufera

si leva e infuria, i buoni operai a frotte
accorrono, l'opera vana a custodire.
Vana, poiché la vita di ognuno si consuma
per le generazioni future, tra disagi e pene,


affinché la nuova progenie abbia una vita
schiettamente felice e lunga, prospera e colta,
senza vile sudore, senza un lavoro schiavo.

Ma la mitica progenie non avrà mai vita:
la sua perfezione farà crollare l'opera
e ricomincerà daccapo l'inutile fatica.


Traduzione di Nicola Crocetti


Costantino Kavafis
Le poesie

Einaudi 2015
Novità


Molti lettori ci segnalano di non essere riusciti a trovare in edicola il numero 300 di "Poesia" perché esaurito. Chi fosse interessato può ordinarlo direttamente alla redazione: info@poesia.it

 









   
   
Fondazione Poesia Onlus
Via E.Falck, 53 - 20151 Milano
tel. +39 02 3538277