Torna all'Home pageArchivio poesie del giorno
 

 

Susanna Rafart

Kolmar


Occupo la neve con una malinconia
che non ha voluto mostrarmi le tracce
di vecchi aghi di pino
infilati in parole come coralli,
sangue duro dolente.
Ma nella mia poesia li ho visti precipitare sul bianco
come un gioiello inatteso,
il rosso staccato nella rigidità d'una smorfia:
non lo volevo come l'ho trovato.
Ora mi metto il vestito da festa
per sfoggiarlo all'alba.
E nei palazzi dalle alte torri
unite, noi due, le rovesceremo di nuovo.

Susanna Rafart
Pozzo di neve

a cura di Francesco Ardolino
Crocetti Editore 2005



 









   
   
Fondazione Poesia Onlus
Via E.Falck, 53 - 20151 Milano
tel. +39 02 3538277