Torna all'Home pageArchivio poesie del giorno
 

 


Ghiannis Ritsos

da Delfi

[...] Ma a cosa serve tutto questo?

A volte queste colonne, nel sulfureo chiaro di luna, somigliano
ai denti rotti di un dio gigantesco, e le gradinate del teatro
sono come le mascelle nude di giganti morti,
mascelle nude, calme e indifferenti
senza ormai piú l’avvilente necessità
del cibo, del bacio, del grido, senza piú
l’umiliazione della sconfitta, l’alterigia della vittoria, solo
con l’immobile e impersonale vittoria della nudità.

A cosa serve dunque tutto questo? – commenti, ripetizioni,
interpretazioni, traduzioni, reviviscenze, imitazioni?
Questo pomeriggio ho notato
sui marmi del teatro antico eretti
i nostri scenari contemporanei, dappoco, di cartapesta
e iuta verniciate,
nella luce del giorno che smoriva; – colonne di cartapesta,
fiaccole di cartapesta per una rappresentazione di Eschilo
o di Euripide, – non ci ho fatto caso;
finiva lo spettacolo; gli spettatori applaudivano,
schiamazzavano,
si accalcavano già verso l’uscita, compravano ceci
abbrustoliti
mentre il tramonto tingeva di rosa le ombre e i marmi.

Pure, su tutto il trambusto e la confusione, sulle traduzioni,
diresti che rimane integro e inalterato il grido silenzioso
dell’Intraducibile,
grido inudibile, profondo, imperioso, lontano, estraneo,
eppure nostro; – grido che ti rinnova
il desiderio di tradurlo; e scopri già
una dolce affinità tra la luce della sera e i marmi,
tra le povere colonne di cartapesta e il tempio di Apollo,
tra le maschere antiche, i coturni, gli scettri
e questi bastoni dei contadini
e i fazzoletti neri delle madri
[...].

Traduzione di Nicola Crocetti


Ghiannis Ritsos
Delfi. La sonata al chiaro di luna
traduzione e cura di Nicola Crocetti
introduzione di Moni Ovadia
Crocetti Editore 2012


 

 










   
   
Fondazione Poesia Onlus
Via E.Falck, 53 - 20151 Milano
tel. +39 02 3538277