Torna all'Home pageArchivio poesie del giorno
 


Rita Dove


Demetra in lutto

Niente può consolarmi. Potete portare seta
per far sospirare la mia pelle, dispensare rose gialle
come fa qualche vecchio dignitario.
Potete continuare a ripetermi
che sono insostenibile (questo lo so):
eppure, nulla tramuta l'oro in granoturco,
non vi è nulla di dolce per il dente che vi si frantuma.

Non chiederò l'impossibile;
a camminare si impara camminando.
Col tempo scorderò questo mio traboccare di vuoto,
potrò sorridere ancora a
un uccello, forse, che abbandona il nido –
ma non sarà felicità,
poiché quella, io, l'ho conosciuta
.

Traduzione di
Federico Mazzocchi


Poesia n. 314 Aprile 2016
Rita Dove. L'imprevedibile esattezza della grazia
a cura di Federico Mazzocchi

 

 


 

 










   
   
Fondazione Poesia Onlus
Via E.Falck, 53 - 20151 Milano
tel. +39 02 3538277