Torna all'Home pageArchivio poesie del giorno
 

 

Luis García Montero


Larra
Primavera del 1836

Lasciami, pensiero, lasciami,
domani sarò tuo,
tornerò ad essere la tua preda.
Ma oggi,
mentre la luce graffia sugli alberi e chiede
un’opportunità,
voglio che mi accolga l’inutile primavera.

Alla casa del freddo
ritornerò domani, quando il tempo
esponga le sue ragioni
e il cuore domandi
ciò che manca da vedere,
quanti battiti ancora
gli restano prima d’arrestarsi.

Traduzione di Gabriele Morelli


Poesia n. 269 Marzo 2012
Luis García Montero La poesia complice
a cura di Gabriele Morelli
Fondazione Poesia Onlus 2012

 









   
   
Fondazione Poesia Onlus
Via E.Falck, 53 - 20151 Milano
tel. +39 02 3538277