Torna all'Home pageArchivio poesie del giorno
 

La Direzione e la Redazione di Poesia
augurano ai collaboratori
e agli amici lettori
di trascorrere un sereno Natale


Mario Luzi

(I Magi)

Non ha volto, si cela
dentro sé il tempo –

così ci confonde
esso, ci gioca
con i suoi inganni
a volte
duramente,
duramente ci disorienta.

Ed ecco, in un frangente
prima non osservato
o in uno
sorpassato
dal flussoe dimenticato
o in altro ancora
rimasto
oscuro dietro le dune,
qua o là,
qua o là, seme sepolto
in terra molto arida
e molto pesticciata,
potrebbe all'improvviso
il futuro disserrarsi
in luci, sfavillare il tempo
dove? da una qualsiasi parte.

Andavano cauti loro, i Magi,
occhiuto era il viaggio
in avanti
o a ritroso? procedendo
o tornando
ai luoghi
d'un'ignota profezia?
Sapevano e non sapevano
da sempre la doppiezza del cammino.
L'avvenire o l'avvenuto...
dove stava il punto?
e il segno?
da dove era possibile il richiamo?
Non è ricaduta
inerte nel passato
e neppure regressione
nel guscio delle cose già sapute
questo
ritorno della strada
spesso
su se medesima,
ma nuova
conoscenza, forse,
ed illuminazione
di un bene avuto e non ancora inteso –
dice
uno di loro
e gli altri lo comprendono
sì e no, ma sanno
ed ignorano all'unisono...
e proseguono
insieme,
vanno e vengono
insieme nel va e vieni del viaggio.

Poesia n. 186 Settembre 2004.
Il nomade e il cielo. Un secolo di poesia religiosa
a cura di Giuseppe Langella


 







   
   

Fondazione Poesia Onlus
Via E.Falck, 53 - 20151 Milano
tel. +39 02 3538277