Torna all'Home pageArchivio poesie del giorno
 


Rabindranath Tagore

XXII

Quando mi passò accanto velocemente,
l'orlo della sua veste mi sfiorò.
Dall'isola sconosciuta d'un cuore
venne improvviso un respiro caldo di primavera.
Fu un tocco fugace che svanì
in un momento, come il petalo di un fiore reciso
trasportato nell'aria.
Ma si fermò sul mio cuore come un sospiro
del suo corpo, come un sussurro dell'anima.


Traduzione di
Brunilde Neroni


Poesia n. 320 Novembre 2016
Rabindranath Tagore. Lo splendore del canto
a cura di Brunilde Neroni

 

 


 

 










   
   
Fondazione Poesia Onlus
Via E.Falck, 53 - 20151 Milano
tel. +39 02 3538277