Torna all'Home pageArchivio poesie del giorno
 


Angelo Barile

Grido

Voci parole son tutte di piombo,
cadono morte nel grembo alla sera
come in un mare.

O desiderî, cavalli leggeri!
Ora sul prato pascolate avare
erbe, mordete l’aria che s’annera.

Sentirvi,
o desiderî, o miei pegasi stanchi,
battere ancora uno scalpito! e fosse
l’ultimo, quello che rapisce: il grido
sullo strapiombo.


Poesia n. 336 Aprile 2018
La domestica grazia di Angelo Barile
a cura di Stefano Verdino

 

 


 

 










   
   
Fondazione Poesia Onlus
Via E.Falck, 53 - 20151 Milano
tel. +39 02 3538277