Torna all'Home pageArchivio poesie del giorno
 


Endre Ady


Né lieto avo né discendente

Né lieto avo né discendente,
né parente né conoscente,
non sono di nessuno,
non sono di nessuno.

Sono, come tutti, maestà,
Capo Nord, mistero, estraneità,
fuoco fatuo e lontano,
fuoco fatuo e lontano.

Ma, ahimè, qui non posso restare,
vorrei tanto farmi vedere,
per essere visto davvero,
per essere visto davvero.

E tutto per questo: straziarmi, cantare.
Amerei essere amato
e a qualcuno appartenere,
a qualcuno appartenere.

Traduzione di Vera Gheno e Gabriella Caramore

 

Poesia n. 338 Giugno 2018
Endre Ady. Il perdono della luna
a cura di Gabriella Caramore

 


 

 










   
   
Fondazione Poesia Onlus
Via E.Falck, 53 - 20151 Milano
tel. +39 02 3538277