Torna all'Home pageArchivio poesie del giorno
 


Federico Tavan

Al destìn de un om

Al podeva capitâte anç a ti
nasce t’un pegnatón
tra zovàtz e zùfignes
de stries cencja prozes
e al dolour grant de ’na mare.

Me soi cjatât a passâ
de chê bandes.

Il destino di un uomo. Poteva capitare anche a te / di nascere
in un pentolone / tra rospi e intrugli / di streghe senza processo
/ e il dolore grande di una madre // Io mi sono trovato a passare
/ da quelle parti.



Poesia n. 233 Dicembre 2008
Federico Tavan. "Volevo essere il vento"
a cura di Anna De Simone

 

 


 

 










   
   
Fondazione Poesia Onlus
Via E.Falck, 53 - 20151 Milano
tel. +39 02 3538277