Torna all'Home pageArchivio poesie del giorno
 

Philippe Jaccottet

L’Ignorante

Più invecchio e più io cresco in ignoranza,
meno possiedo e regno più ho vissuto.
Quello che ho è uno spazio volta a volta
innevato o lucente, mai abitato. E il donatore
dov’è, la guida od il guardiano? Io rimango
nella mia stanza, e taccio (entra il silenzio
come un servo che venga a riordinare),
e attendo che a una a una le menzogne
scompaiano: cosa resta? Cosa rimane a questo moribondo
che gli impedisce ancora di morire? Quale forza
lo fa ancora parlare tra i suoi muri?
Potrei saperlo, io, l’ignaro e l’inquieto? Ma la sento
parlare veramente, e ciò che dice
penetra con il giorno, anche se è vago:

“Come il fuoco, l’amore splende solo
sulla mancanza, e sopra la beltà dei boschi in cenere…”

Traduzione di Fabio Pusterla



Poesia n. 233 Dicembre 2008
Philippe Jaccottet. Lo slancio del cuore
a cura di Fabio Pusterla

 

 


 

 










   
   
Fondazione Poesia Onlus
Via E.Falck, 53 - 20151 Milano
tel. +39 02 3538277