Torna all'Home pageArchivio poesie del giorno
 

Archibald Randolph Ammons

Un angelo storpio

Un angelo storpio ricurvo in una falce di dolore
piangeva in un lotto vuoto
Passando mi fermai
divertito dell’addolorarsi dell’immortalità
e dissi
Dev’essere sublime

Il fumo usciva dalle orecchie dell’angelo
gli assali
di lente ruote del dolore
e sotto le palpebre bianche
si gonfiavano lacrime di luce violacea
Osservando l’agonia diffondersi in
un lutto informe
interposi un’arpa
L’atmosfera se ne appropriò entusiasta

e l’angelo
pregando per le cose del tempo
lasciò cadere le dita e bruciò
le corde liriche causando meraviglia

Il dolore risuonò come un oceano si sollevò
in abiti splendenti
e il fuoco
erompendo sugli arti salendo
s’appiccò alle ali divaricate
in un turbine di ascesa

Presi un arco e tirai trafiggendo
l’angelo a mezz’aria
tutto un miracolo di fuoco sospeso
alle travi del cielo

Traduzione di Paola Loreto



Poesia n. 277 Dicembre 2012
Archibald Randolph Ammons. L'angelo storpio
a cura di Paola Loreto

 

 


 

 










   
   
Fondazione Poesia Onlus
Via E.Falck, 53 - 20151 Milano
tel. +39 02 3538277