Torna all'Home pageArchivio poesie del giorno
 


Endre Ady

Sono ferita rovente

Sono ferita rovente. Brucio, dolente.
Mi strazia la brina, mi strazia la luce,
te voglio. Per te sono venuto,
anelo ancor più tormento: te voglio.
Che bianco, ardente, in te il fuoco si alzi.
Fanno male i baci, i desideri.
Tu sei il mio tormento, la mia geenna,
ti desidero. Ancora. Ti desidero.
Straziato di desiderio, insanguinato dai baci,
sono ferita rovente, ho fame di nuovi tormenti,
tormenta anche tu me, l’affamato.
E sono ferita. Baciami. Bruciami. Baciami.

Traduzione di Vera Gheno e Gabriella Caramore

 

Poesia n. 338 Giugno 2018
Endre Ady. Il perdono della luna
a cura di Gabriella Caramore

 


 

 










   
   
Fondazione Poesia Onlus
Via E.Falck, 53 - 20151 Milano
tel. +39 02 3538277