Torna all'Home pageArchivio poesie del giorno
 

 

Osip Mandel'stam

286.

Lo dirò così come mi viene, in un bisbiglio,
perché ancora anzitempo:
è col sudore e l'esperienza che si consegue
l'inesplicabile gioco del cielo.

E sotto il transeunte cielo di questo purgatorio
ci dimentichiamo spesso del fatto
che il felice magazzino celeste
è la casa che s'espande finché si è in vita.

9 marzo 1937

Traduzione di Gario Zappi





Poesia n. 344 Gennaio 2019
Osip Mandel'stam. Sussurri e grida dal Gulag
a cura di Gario Zappi





   
   
Fondazione Poesia Onlus
Via E.Falck, 53 - 20151 Milano
tel. +39 02 3538277