Torna all'Home pageArchivio poesie del giorno
 

Roberto Rossi Precerutti


Parco del Valentino

Dentro gli occhi il mattino – fa promesse
nel rimescolio dell’aria nell’acino
zuccherino che pende sulle braci
polverose dei viali – sono spesse

e forti queste foglie, già una messe
di lucidi aghi copre le mendaci
sontuosità del verde o le vivaci
ostensioni celesti (ma le stesse

radici, il bel fianco che di vertigine
si strema faranno come un’ardente
offerta ancora al buio della fronte):

dentro un vapore d’oro, a una sua fonte
fredda miserandi attinge prodigi
un dio di crocicchi, le labbra spente.

Torino, 5 febbraio 2007




Poesia n. 230 Settembre 2008
Roberto Rossi Precerutti. Come nella rapina di una corrente oscura
a cura di Giovanna Ioli





   
   
Fondazione Poesia Onlus
Via E.Falck, 53 - 20151 Milano
tel. +39 02 3538277