Torna all'Home pageArchivio poesie del giorno
 

 

Dimitris Kosmòpulos

Hemìfthoron*

Stasera ti supererò.
Ma come potrò scordare
ciò che appresi? Essere un albero
con le radici al centro
di una vecchia ferita. Dal cuore
mi spuntavano rami e foglie.

Cos'è avvenuto stasera
che cambia volto la Luna?
Guarda, porta dal futuro
candeline e oggetti in mano.
Dai prati della morte
fumo d'amore ed erba.

Vento tra le mie fronde.
Le sue ali sono il mio fuoco.
Rami grigi, foglie gialle –
nel brivido esisto.
Sento il colombo nero
per anni mia stella e cero.

Distendo rami nella foresta
del mondo per superarlo.

*Simbolo nella scala della melurgia bizantina,
indica il tono di voce deminuto.

Traduzione di Nicola Crocetti




Poesia n. 348 Maggio 2019
Dimitris Kosmòpulos. Risurrezione di Andreij Tarkovsij
a cura di Nicola Crocetti e Daniele Piccini





   
   
Fondazione Poesia Onlus
Via E.Falck, 53 - 20151 Milano
tel. +39 02 3538277